Uncategorized

SECONDIGLIANO. Poliziotto ucciso, le sorelle: “Nulla potrà colmare il vuoto che hai lasciato”

           

NAPOLI – “Ci manchi fratello nostro e ci mancherai sempre, nulla potrà colmare il vuoto che ci hai lasciato”. Lo hanno scritto in una lettera le due sorelle di Pasquale Apicella, il 37enne agente della Polizia di Stato morto nell’inseguimento di una banda di rapinatori lo scorso 27 aprile a Napoli. La lettera delle sorelle Luisa e Nella è stata letta dal pastore evangelico Christian Parisi del Ministero cristiano di Secondigliano durante la cerimonia funebre nella chiesa evangelica di via Scippa. “Hai sempre detto che noi tre insieme eravamo una forza e nulla ci sarebbe stato impossibile se fossimo rimasti uniti. Ora siamo qui come una grande quercia con un ramo spezzato da un’improvvisa tempesta, e anche se questo non ne ha causato la caduta, l’ha certamente indebolita. Ma se oggi questa quercia non è caduta è grazie al tuo amore che hai sempre avuto per noi, per la tua famiglia ma soprattutto per i tuoi figli. Questo non è un addio ma un arrivederci: ci aspetterai a braccia aperte e finalmente torneremo la quercia che siamo sempre stati, ma molto più forte. Buon viaggio fratello nostro”, conclude la lettera.