Napoli Città Regione

ORE 19:20. MICROSCOPIO CORONAVIRUS. MIRACOLO DI DE LUCA. I positivi aumentano e non poco, le terapie intensive si riducono di 68 in tre giorni. TUTTI I DATI SU DECESSI, GUARITI E CONTAGIATI

           

In tre giorni il numero di pazienti ricoverati con respiratore è diminuito velocemente ma i decessi aumentano

NAPOLI (g.g.) – Sono stati resi noti i dati relativi alla Campania nella tabella della Protezione Civile Nazionale, numeri che fanno da contorno alla conferenza stampa delle 18. Il numero di casi totali di contagio nella nostra regione da coronavirus sono quelli riportati nella tabella delle 22:30 di ieri sera pubblicata dall’ente su Facebook, cioè 1454, 144 in più rispetto al dato delle 24 ore precedenti.

Ma il primo numero di cui vogliamo parlare è quello relativo alla terapia intensiva. In tre giorni il numero di pazienti ricoverati con respiratore è diminuito velocemente da 181, dato del 24 marzo, a 113, dato di oggi, 27 marzo. Un andamento inverso rispetto al contagio che continua ad aumentare anche con numeri maggiori.

Il limite di emergenza, di cui ha parlato oggi nel suo lungo monologo Vincenzo De Luca, relativo ai posti letto in terapia intensiva, è di 167, posto più posto meno, cioè la metà dei 335 posti letto in terapia intensiva di cui la Campania dispone, parole del governatore della regione.

Quindi, nel momento in cui inizia davvero a preoccupare il numero di postazioni disponibili in rianimazione, i pazienti di questo reparto diminuiscono. Speriamo davvero non sia un errore nel conteggio dei dati, ma ciò potremmo scoprirlo solo nei prossimi giorni. E ci si potrà rendere conto se i numeri relativi alla terapia intensiva siano fallaci o meno soltanto vedendo l’andamento dei contagi. Se questi dovessero scendere, significherebbe che questi numeri sono reali, altrimenti il dubbio sulla diminuzione sarebbe lecito.

Tornando al dato generale, il numero di contagiati attualmente positivi al coronavirus, rispetto ai tamponi effettuati ad oggi 27 marzo, è di 1292, con un aumento di 123 persone rispetto alle 1169 di ieri.
Buona parte di questo dato, 123, è causato dall’aumento delle persone che si trovano in isolamento domiciliare, che passano dalle 607 di ieri alle 723 di oggi. Leggero aumento, di 8 unità, per il dato relativo ai ricoveratisemplici” che sono 456, secondo i dati resi noti oggi dalla Protezione Civile. Infine, sfiora quota 100 il numero di deceduti con coronavirus: sono 98, con un aumento di 15 unità. Sale, anche se in maniera più lieve, il numero di guariti, 64 (+6).

Veniamo a quello che possiamo definire il tasto dolente della macchina organizzativa campana: i tamponi. Il numero di test effettuati per scoprire se una persona è stata contagiata o meno dal covid-19 è di 9613. Continua a salire nell’ordine delle migliaia il numero dei tamponi effettuati ma, ripetiamo ancora una volta, questo dato è ancora troppo basso punto. La Puglia, il Friuli Venezia Giulia e la Sicilia, tre regioni che hanno un numero di contagiati minore rispetto alla Campania, ne hanno effettuati sono di più.

Passando al dato nazionale, 86.498 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (+5959 rispetto a ieri). Di queste, 9134 sono decedute (+969) e 10950 sono guarite (+589). Attualmente i soggetti positivi sono 66.414.