Uncategorized

ORE 19:20. MICROSCOPIO CORONAVIRUS. CAMPANIA. De Luca non riesce a portar seccia e i ricoverati in Terapia Intensiva restano 29. ITALIA. Oggi il minor incremento dall’inizio dell’epidemia. Cinque regioni hanno il 74% degli attuali malati

           
Una differenza enorme tra le 5 regioni del Nord e il resto d’Italia. Dopo il record di ieri, i guariti rallentano l’incremento, il dato su i decessi, invece, dà un numero positivo rispetto a 24 ore fa

CASERTA (g.g.) – Invitandovi ad andare a rileggervi la prima parte del nostro Microscopio Coronavirus, che dedichiamo ai dati della Campania, vi diamo qualche informazione aggiuntiva rispetto allo scarno comunicato dato dagli uomini di De Luca non si può estrarre. Nel nostro appuntamento mattutino vi abbiamo dato la notizia dei 3.832 nuovi tamponi, che portano il totale a 79.940 e l’aumento dei casi, 21 unità, che porta il numero di contagiati nella regione Campania a 4.444.

21 positivi in più che fanno arrivare il numero complessivo, come detto, a 444 contagiati, mentre sono 359 i decessi, un dato che, fortunatamente, è fermo da due giorni. 1.332 i guariti, rispetto ai 1.291 di ieri, con un incremento di 41 unità. Il numero degli attualmente positivi, cioè di quelli che, a ieri sera alle 22, erano malati di coronavirus nella nostra regione, tocca quota 2.753, ancora in calo (-20) rispetto a ieri. Di questi, 478 (-6) sono ricoverati in ospedale ma non in Terapia Intensiva. Invariati, invece, i ricoverati in Terapia Intensiva, che restano fermi ai 29 del report di ieri anche nella giornata di oggi. In isolamento domiciliare 2.246 persone, 14 in meno rispetto a ieri. I casi analizzati nella nostra regione nelle ultime 24 ore sono 742, per un dato complessivo di persone sottoposte al tampone almeno una volta pari a 44.975.

IL DATO NAZIONALE

E oggi va ritoccato il record di ieri, relativo al rapporto tra tamponi analizzati nelle ultime 24 ore, 74.208, e nuovi positivi, 1965. Infatti, se ieri la percentuale era del 2, 7%, il miglior numero finora, oggi è pari al 2,64%. Che significa che ogni 100 tamponi eseguiti, poco meno di 3 sono risultati positivi. Un dato che dimostra quanto siano state necessarie le drastiche misure adottate in precedenza ma che, adesso però, ci troviamo in una fase diversa del contagio.

I casi totali di contagio in Italia sono 207.428, mentre il numero di tamponi eseguiti nel nostro paese supera i 2 milioni, toccando la quota di 2.053.425, dato possibile grazie anche al record di tamponi eseguito ieri, il più alto nell’arco di 24 ore.

Le persone che attualmente sono ancora positive sono 100.943, numero inferiore di 608 unità rispetto al dato pubblicato ieri dalla Protezione Civile. Di questi 100 mila e oltre, 17.569 (-116) si trovano nei reparti covid-19 ordinari. Altro dato positivo riguarda le Terapie Intensive. Nelle ultime 24 ore, infatti, si sono liberati 101 posti letto, portando così il numero di positivi al covid-19 ricoverati in questo particolare reparto a 1.578.

Balzo in avanti di guariti, inferiore rispetto al numero incredibile di 24 ore fa(+4693). Nella giornata di ieri, in Italia, sono guarite dal coronavirus 2.349 persone, per un totale di 78.249.

I decessi in Italia sono complessivamente 28.236, in aumento di 269 unità nelle ultime 24 ore. L’incremento più basso degli ultimi quattro giorni. Il numero totale di persone che si sono sottoposte almeno una volta al tampone in Italia è di 1.398.633, cioè 43.732 nelle ultime 24 ore.

Chi ha letto il nostro sito, ben sa cosa pensiamo del nuovo decreto in vigore dal 4 maggio. L’idea di non modificare le aperture, un tentativo di ritorno alla normalità con guanti, mascherine e distanza di un metro, da regione a regione, da zona più colpita a meno colpita, è stato un errore. Perché è un errore è valutare allo stesso modo regioni che hanno 5 contagi al giorno, al massimo, rispetto a regioni che superano ampiamente quota 500.

Il fatto che il coronavirus abbia diviso il nostro paese in due fasce, quella con più contagi è quella che si è “salvata”, è dimostrato dai numeri che provengono dalle cinque regioni del nord più colpite. Oggi andiamo ad analizzare i dati degli attualmente positivi, cioè di coloro che sono, asintomatici e sintomatici, ancora contagiati dal covid-19 e quindi supportati dal nostro Servizio Sanitario.

Gli attualmente positivi Lombardia sono 36.473, in Piemonte sono 15.562, in Emilia Romagna sono 9.484, in Veneto sono 7.779 e infine, in Toscana sono 5.373. Questi cinque dati complessivamente sfiorano i 3/4 di tutti i contagi che oggi si registrano nel nostro Paese. Infatti, la somma è di 74.671, cioè il 73,97% dei 100.943 attualmente positivi registrati in Italia.