Regione

ORE 10:30 MISCROSCOPIO CORONAVIRUS. Positivi in Campania ieri ospedale per ospedale. Dato in calo, ma per i troppi tamponi in attesa è da prendere con cautela

           

NAPOLI – Siccome ieri è successo che a metà giornata i dati dei contagiati, registrati domenica sera, sono stati modificati con un aumento di altri 10 unità ancora non comunicate dall’ospedale Ruggi di Salerno, non possiamo non avvertire i nostri lettori che le cifre del rapporto reso pubblico ieri sera alle 22:30 dalla Regione Campania vadano prese un po’ con le molle.

Non aggiungiamo altro, perché tanto la valutazione argomentata sul livello scadentissimo di chi sta lavorando nello staff del governatore De Luca l’abbiamo fatta e ribadita.

Ritorna il numero 77. Manco a dirlo, un numero che ricorre spesso e che ieri poi è stato modificato in corso d’opera.

Sono i contagiati, registratisi in Campania ieri, ovviamente sempre secondo la coppia De Luca-Giulivo, e sono 13 in meno rispetto a quelli del giorno precedente. Il secondo motivo per cui questo numero va preso con cautela riguarda un altro argomento su cui spesso siamo andati, in questi giorni: la troppo grande giacenza di tamponi praticati, i cui esiti a distanza di 4-5 giorni non vengono ancora comunicati.

Questo è successo con il personale paramedico dell’ospedale di Marcianise, questo sta succedendo a Francolise, dove, con il sindaco Tessitore ricoverato al Cotugno, la vicesindaca facente funzioni Lama ha scritto ieri sera un post (che pubblichiamo) in cui denuncia questa situazione, riguardante gli esiti ancora non arrivati per tutti quelli che hanno avuto contatti con Tessitore.

In particolare, i 77 positivi di ieri sono la somma dei 26 registrati nella cosiddetta sessione mattutina, che De Luca pubblica contemporaneamente alla conferenza stampa del capo della Protezione Civile nazionale, come se compulsivamente lo facesse apposta a portarsi avanti rispetto a quello che Borrelli comunica a Roma, più i 51 della cosiddetta sessione pomeridiano-serale.

Quest’ultima cifra è così ulteriormente ripartita per ospedali: Cotugno, 126 tamponi esaminati di cui 17 positivi; Policlinico Federico II, 53 tamponi esaminati di cui 6 positivi; Moscati, 79 di cui 15 positivi; Ospedale Civile di Caserta 60 tamponi, di cui 9 positivi; Ospedale di Salerno, 49 tamponi di cui 4 positivi.

Tamponi praticati ieri 502, totale complessivo in Campania 1103 per 7500 tamponi complessivamente fatti lungo tutto l’arco dell’emergenza, con il già citato incremento di 77.

Questo fino ad ora, poi chissà.