Regione

ORE 10.30 MICROSCOPIO CORONAVIRUS. La folle indifferenza per l’obiettivo-tamponi rende stamattina inutile la lettura dei dati CAMPANI. Un bel carico è arrivato al Ruggi di Salerno

           

NAPOLI (g.g.) Il non aver curato fin dal primo giorno dell’epidemia una struttura organizzata per compiere più analisi possibili sulla popolazione, reca con sè, come ovvia conseguenza, una volatilità dei dati che, in Campania, non hanno struttura per il semplice motivo che si fondano su un numeratore, cioè i tamponi analizzati, troppo basso che ancora si apre ad ampie oscillazioni nell’espressione del suo quoziente di frazione, che ha come denominatore il numero dei nuovi positivi di giornata.

Si tratta di concetti, peraltro di normale aritmetica elementare, che l’intelligenza di De Luca potrebbe anche comprendere, ma che il governatore non afferra per il semplice motivo che pensa ad altro, cioè alle elezioni, che, gettando la maschera, ieri, in aperta contestazione insieme agli altri suoi tre colleghi del Veneto, della Liguria e della Puglia, vorrebbe tenere addirittura il 12 luglio, giusto perchè non si capisca la strumentalizzazione elettorale della tragedia del coronavirus il quale, per il cinismo suo e per quello dei suoi colleghi, grandi e piccini della politica, è solo un’occasione per conservare e/o consolidare la poltrona.

Non assolutamente all’altezza, invece, di misurarsi con queste esposizioni epidemiologiche il terzetto che magari potrebbe presentare la sua arte nelle prossime serie di Zelig o di Made in Sud, chiamandosi “te li raccomando…quelli là”, formata da Antonio Postiglione, super dirigente della sanità campana sopravvissuto e anzi consolidatosi in ogni stagione politica, il Verdoliva, che De Luca considera, chissà perchè, una sorta di taumaturgo e infine il dirigente delle somme urgenze Italo Giulivo messo, anche in questo chissà perchè, a capo della sedicente unità di crisi anti coronavirus nella Regione Campania.

Veniamo ai dati. Nel report di ieri la percentuale di positivi, in pratica il quoziente della frazione da noi appena citata, era al 2,36% espressione di 45 nuovi positivi su 1.903 tamponi analizzati o ribadiamo il concetto, stiamo lavorando, poi (se carta coglie) vedrete cosa succederà, dichiarati come analizzati dall’unità di crisi.

Oggi, i tamponi dichiarati sono 2.458 con 61 nuovi positivi, cioè il 2,48%, uno 0,12% rispetto al dato di ieri, ma soprattutto un punto e due decimi circa in più rispetto all’1,3, incremento registratosi, se non andiamo errati, due giorni fa. Un trend in risalita seppur attestato su numeri modesti che fanno sopravvivere il timore che troppa gente, troppi positivi asintomatici sono ancora senza diagnosi e possono trasformarsi, da un momento all’altro, in pericolosissimi vettori del contagio.

Il solito dettaglio degli ospedali. Al Cotugno sono stati analizzati 767 tamponi con 17 positivi che rispecchiano il 2% e qualcosa del dato medio complessivo appena citato.

I reagenti sono arrivati, come si poteva ben prevedere, in buon numero all’ospedale Ruggi di Salerno cioè nella città di De Luca, visto che anche ieri ne sono stati analizzati ben 484, molto di più della media delle scorse settimane, con 12 positivi e in questo caso, siamo sul 4%.

Ricompaiono i positivi a anche a Caserta: 2 su 70 tamponi. Non possiamo dare per certo che questi due casi siano collegabili al ragazzo di Pontelatone la cui positività è stata comunicata ieri ufficialmente dal sindaco e il vigile urbano di Caserta che forse, dopo il test rapido che ha segnalato la presenza di anticorpi è stato sottoposto al tampone che ne ha sancito la positività.

In poche parole, questi casi certi potrebbero essere i due indicati nel report di ieri sera, ma potrebbero essere anche “altri due” che magari andranno in carico nel report di stasera o in quello di domani.

Nessun positivo su 108 tamponi complessivamente analizzati negli ospedali asl di Aversa e Marcianise.

Al Moscati di Avellino per il quinto giorno consecutivo, nessun positivo su 64 tamponi.

Ospedale San Paolo, due positivi su 94 tamponi.

“Un giorno all’improvviso” il Primo Policlinico universitario Federico II, dopo aver prodotto, nei giorni di gran lavoro, 50, 60 tamponi, ne ha licenziato ben 186 di cui 6 positivi.

Allo Zooprofilattico di Portici, 18 positivi su 527 tamponi, mentre nell’ospedale di Nola, i casi di coronavirus sono stati due su 60 tamponi.

Anche Benevento si conferma, come già succede da diversi giorni, immacolato. Nel locale ospedale San Pio, nessun positivo su 80 tamponi.

Ritorna Eboli dopo che ieri era scomparso dai radar: 2 positivi su 118 tamponi.

Il totale complessivo dei positivi in Campania dall’inizio dell’epidemia, tocca quota 4.135.

Il totale complessivo dei tamponi è di 53.548.

QUI SOTTO L’ULTIMO BOLLETTINO REGIONALE

Unità di Crisi Regionale per la realizzazione di misure
per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologia da COVID-2019.
Decreto P.G.R.C. n°45 del 06.03.2020​
___

+++ CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO +++

L’Unità di Crisi della Regione Campania comunica che sono pervenuti i seguenti dati:

– Ospedale Cotugno di Napoli: sono stati esaminati 767 tamponi di cui 17 risultati positivi;
– Ospedale Ruggi di Salerno: sono stati esaminati 484 tamponi di cui 12 positivi;
– Ospedale Sant’Anna di Caserta: sono stati esaminati 70 tamponi, di cui 2 positivi;
– Asl di Caserta presidi di Aversa-Marcianise: sono stati esaminati 108 tamponi di cui nessuno positivo;
– Ospedale Moscati di Avellino: sono stati esaminati 64 tamponi di cui nessuno positivo;
– Ospedale San Paolo di Napoli: sono stati esaminati 94 tamponi di cui 2 positivi;
– Azienda Universitaria Federico II: sono stati esaminati 186 tamponi di cui 6 positivi;
– Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: sono stati esaminati 427 tamponi di cui 18 positivi;
– Ospedale di Nola: sono stati esaminati 60 tamponi, di cui 2 positivi;
– Ospedale San Pio di Benevento: sono stati esaminati 80 tamponi, nessuno positivo;
– Ospedale di Eboli: sono stati esaminati 118 tamponi, di cui 2 positivi.

Positivi di oggi: 61
Tamponi di oggi: 2.458

Totale complessivo positivi Campania: 4.135
Totale complessivo tamponi Campania: 53.548

Napoli, 20 aprile ore 22