Napoli Città

Ops, “fratacchione” De Luca si è confuso: in rete finiscono nomi ed indirizzi dei beneficiari dei soldi dati alle partite IVA

           

NAPOLI – Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca,  è caduto in un pesante scivolone. O meglio, il suo staff ha preso lo scivolone sulla comunicazione (dello staff) dell’accoglimento della richiesta di bonus.

Passi il fatto che in calce alla lettera ci sia il nome del presidente della Regione (e non di un funzionario della Regione). Ma la foga di trasformare un sussidio in un’arma di propaganda elettorale ha provocato lo scivolone. Infatti lo staff (in particolare quello della comunicazione) del governatore sarebbe incorso in una ipotesi di violazione della privacy. Poiché nella mail inviata dal presidente della Regione Campania compaiono indirizzi e nomi di tutti i professionisti beneficiari previsti dal bonus della Regione Campania.

In questo caso lo staff del Presidente della Regione Campania sarebbe incorso nel reato di violazione della privacy: nonostante la legge obblighi gli enti pubblici alla pubblicazione dei beneficiari dei contribuiti pubblici, ma non è questo il caso, poiché la pubblicazione è avvenuta con l’invio di una mail.