Napoli Nord

MARANO. Rapinò una giovane nel centro di Firenze, arrestato

           

MARANO – I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Firenze hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare, una in carcere e l’altra agli arresti domiciliari, emesse dal gip presso il Tribunale di Firenze, su richiesta del pm Alessandra Falcone, nei confronti di due uomini, entrambi italiani, ritenuti i responsabili di una rapina a mano armata compiuta l’anno scorso a danno di una giovane sudamericana nella zona di Santa Croce mentre di sera faceva rientro a casa. Nel settembre 2019 una pattuglia della guardia di finanza, che stava operando nel centro cittadino, soccorse una giovane che, in forte stato di agitazione, riferì di essere stata aggredita e derubata da una persona armata di pistola, insieme a un complice. In pochi minuti, i militari individuarono l’aggressore in una via del centro. l’uomo, alla vista dei militari, tentò di estrarre l’arma, risultata poi una fedele replica di una pistola calibro 9. Immobilizzato e arrestato per rapina aggravata, su disposizione del pubblico ministero, venne portato nel carcere di Sollicciano; il Tribunale ne convalidò subito l’arresto.L’attività di indagine di polizia giudiziaria ha consentito ai militari di rintracciare e recuperare il cellulare rubato alla vittima, che nel frattempo era stata peraltro oggetto di pesanti minacce, e poi di identificare il complice, individuato e fermato a Marano di Napoli dalla Guardia di Finanza del posto sulla base delle indicazioni fornite dalle Fiamme Gialle di Firenze. A conclusione delle indagini il rapinatore e principale aggressore è stato arrestato e nuovamente associato al carcere, mentre il complice, per il quale il giudice ha rilevato “non possono esservi dubbi sulla partecipazione alla rapina”, è stato invece posto agli arresti domiciliari.