Napoli Città

Il video del drone in volo su SCAMPIA. Sei denunciati nei controlli per il Coronavirus

           

NAPOLI – Anche un drone per aiutare i carabinieri a Napoli nei controlli anti-contagio, per evitare assembramenti. Il primo volo stamani da via Labriola, nell’area della Vela rossa, nel quartiere di Scampia. L’operazione, svolta dal nucleo radiomobile di Napoli e dai militari della stazione 167, è stata effettuata con il supporto di un drone militare guidato da due piloti del VII Nucleo Elicotteristi di Pontecagnano. Durante il servizio odierno, le immagini dall’alto hanno permesso di appurare che non vi fossero assembramenti a Scampia, neppure nelle aree normalmente molto affollate, compresa la fermata della metropolitana. Tra le varie persone controllate oggi, i carabinieri hanno denunciato un ragazzo che ha esibito un’autocertificazione risultata poi falsa. Secondo quanto accertato, non aveva fornito i propri dati anagrafici ma quelli del cugino. Nel quartiere di Poggioreale, invece, denunciato un 26enne di origini di pakistane per inosservanza dei provvedimenti dell’autorita’. E’ stato sorpreso mentre usciva da un negozio di bojoutteria, il cui titolare, un 33enne anch’egli di origini pakistane, era in attivita’ nonostante le prescrizioni. A Ischia, denunciate 3 persone per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità, sorprese mentre eseguivano lavori di ristrutturazione di una scala in muratura esterna ad un’abitazione di via Corbore a Barano. In corso accertamenti per valutare la presenza delle autorizzazioni edilizie. In localita’ Varcaturo, nel comune di Giugliano, denunciati due albergatori dell’area costiera per omessa comunicazione alloggiativa all’autorita’ di pubblica sicurezza e inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. I militari dell’Arma hanno controllato la struttura e scoperto che dava alloggi a 4 persone, tutte già note alle forze dell’ordine; 3 dei 4 ospiti hanno fornito giustificazione valida alla loro presenza. Il quarto, denunciato, ha ammesso di essersi allontanato dal domicilio perchè temeva di essere infettato dal padre.