Nolano

Il boss Cutolo resta in carcere, bocciata la richiesta di domiciliari

           

OTTAVIANO – E’ stata respinta la richiesta di scarcerazione da parte di Raffaele Cutolo, incoraggiata da una circolare del 21 marzo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria che apriva alla possibilità di passare ai domiciliari ai detenuti con patologie gravi e non compatibili con il regime carcerario.

“Si tratta di una primissima vittoria della nostra protesta. Non vogliamo assolutamente che boss sanguinari e violenti vengano rimessi in libertà con la scusante del coronavirus. I criminali per tutto il male che hanno fatto devono restare a marcire in galera, questa è la giustizia, qualcosa di diverso sarebbe soltanto vergogna. Per questo abbiamo dato vita a questa protesta con sciopero della fame e petizione on-line e tantissimi cittadini si stanno unendo, le persone perbene vogliono vivere in territorio senza criminali, dove regna la legalità.”- sono state le parole del Consigliere Regione dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.