Napoli Città

E’ guerra tra De Luca e De Magistris, la Regione: l’ordinanza del Comune sull’apertura dei locali è illegittima

           

NAPOLI – Il presidente della Giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca contesta l’ordinanza del sindaco di Napoli Luigi De Magistris che ha autorizzato, dal 1 giugno, l’apertura dei locali notturni fino alle 3.30 e la vendita di alcol da asporto fino alle 24, e chiede l’ intervento di Prefettura, Questura e Polizia Municipale “Tale provvedimento – scrive De Luca – è palesemente illegittimo, non soltanto per carenza di potere – in quanto assume a proprio presupposto una situazione di crisi epidemiologica che coinvolge l’intero territorio regionale e detta disposizioni i cui effetti si riverberano ben oltre i confini del territorio comunale – ma altresì e soprattutto per violazione di legge”. “In particolare – precisa il Governatore della Campania – per evidente violazione della norma di cui all’articolo 3, comma 2 del decreto-legge numero 19 del 2020, convertito con modificazioni dalla legge numero 35 del 2020, a tenore del quale ‘I Sindaci non possono adottare, a pena di inefficacia, ordinanze contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l’emergenza in contrasto con le misure statali e regionali, nè eccedendo i limiti di oggetto di cui al comma 1′. La lettera è stata inviata per conoscenza al Ministro degli Interni ed all’ ANCI L’ordinanza del sindaco De Magistris (n.248 del 29 maggio 2020) – per De Luca – “reca prescrizioni in evidente contrasto con l’Ordinanza regionale n.53”. “In considerazione della espressa sanzione della inefficacia dei provvedimenti sindacali adottati in contrasto con le misure regionali vigenti – aggiunge il presidente della Giunta campana – sancita direttamente dalla richiamata disposizione di legge, si sollecitano gli Organi dello Stato, le Forze dell’Ordine, la Polizia Municipale a predisporre tempestivamente ogni misura volta a garantire il rispetto rigoroso dell’Ordinanza regionale da parte degli operatori coinvolti”. “Comportamenti diversi – conclude De Luca – configurerebbero, a tutta evidenza, omissioni rilevanti anche sul piano penale, oltre che in relazione agli aspetti di tutela sanitaria”.