Regione

CORONAVIRUS. VIA ALLE FASE DUE. Da domani, lunedì, inviateci i VIDEO e le FOTO di chi non rispetta le regole delle mascherine e della distanza. Le pubblicheremo e le manderemo alle forze dell’ordine

           
Proprio perché siamo stati intransigenti nella difesa della libertà lesa da due mesi di reclusione domiciliare, da oggi lo saremo ugualmente, e per lo stesso motivo legato ad un liberale rispetto dello legge, con i cretini che creeranno rischi e problemi

NAPOLI (gianluigi guarino) – La parola delatore è una delle più vituperata. Si utilizza quando si tratta di una denuncia segreta per i motivi più abbietti. Noi non chiediamo questo ai nostri lettori, ma diciamo che i cretini sono una normale componente del genere umano. Ci sono stati sempre e sempre ci saranno. Ora si vedono di più, amplificati dai social, moltiplicatori di tutto, del bene e del male. I cretini vanno tollerati del tutto, anche compresi. Ma non sempre. Ci sono momenti in cui la cretineria può creare danni pesantissimi a quelli che cretini non sono e che, ad esempio, domattina, uscendo di casa, usufruendo di ciò che la Fase Due consente rispetto a quello che non ha consentito la Fase Uno, osserveranno tutte le regole di sicurezza, a partire dalle mascherine fino alla cosiddetta distanza sociale. Vedete, CasertaCe e NapoliCe sono stati un luogo di testimonianza e rivendicazione della libertà. La cultura della vita, la tutela e la sua difesa sono valori enormi. Ma enorme è anche la dignità dell’uomo che nasce e che dopo due mesi di reclusione domiciliare viene pesantemente lesa.

Detto questo, però, nulla concediamo e nulla cediamo sul piano del nostro liberalismo nel momento in cui affermiamo che da domani i cretini andranno marcati a vista, perché le loro cretinerie non produrrebbero l’effetto che generano di notte, durante la movida, quando rompono il cazzo alla gente che dorme, ad esempio. Quello ci può stare, come ci è sempre stato. Il cretino, il coattone comportandosi male, non indossando la mascherine e non rispettando le distanze sociali minime, potrebbe scatenare di nuovo l’epidemia. I non cretini non devono stare zitti. Invitiamo i nostri lettori a mandarci video e fotografie dei cretini. Non ce ne frega un tubo: anche se qualcuno volesse denunciarsi per violazione della privacy, sapete bene che CasertaCe e NapoliCe non si fermano davanti a queste cose, pubblicheremo video e foto, inviandole contestualmente alle forze dell’ordine per la denuncia