Regione

CORONAVIRUS. La CAMPANIA ha dimezzato il numero di tamponi analizzati in pochi giorni. DATI NAZIONALI. La Lombardia ha quasi il 70% dei nuovi contagi

           
Cresce il numero dei decessi giornalieri, che comunque restano sotto la centinaia. De Luca e soci o hanno finito i tamponi, o hanno finito i reagenti oppure i tamponi non li vogliono fare volutamente

NAPOLI – E’ di 675, con un calo di 42 rispetto a ieri, il numero di persone che in Campania sono ancora malate di covid-19. Il numero dei tamponi analizzati ieri e resi noti nel report di oggi scende ancora rispetto alle medie del mese di maggio, arrivando a quota 1.629. Il totale regionale è pari a 220.662. Il rapporto del contagio è pari a 0,30; considerati i 5 nuovi contagi registrati in Campania. 

Cala di 9 unità unità il dato relativo ai ricoverati nei reparti covid-19 ordinari, che si abbassa fino a toccare quota 73. Scende anche il numero di pazienti nei reparti terapia intensiva delle strutture della nostra regione (-3), che ora sono 3.

Scende, invece, di 30 unità il numero dei contagiati da coronavirus che si trovano in quarantena domiciliare, per un totale di 599.

Dall’inizio dell’epidemia, sono 426 i decessi, dato uguale in più rispetto al report di ieri, mentre i guariti sono 3.732 (+47). Il dato delle persone sottoposte a tampone almeno una volta nella nostra regione è pari a 110.583, +1.049 nel giro di 24 ore. Questa cifra è importante perché ci dimostra quanto sia mappato il virus.

IL DATO NAZIONALE

I 283 nuovi positivi di oggi e i 55.003 tamponi effettuati in un giorno portano il rapporto del contagio al 0,51%. Rispetto a ieri, si raddoppia il numero dei tamponi eseguiti (27.112) ma la cifra dei positivi resta praticamente uguale (280). Così si spiega il dimezzamento del rapporto del contagio tra ieri, 1,03%, e oggi.

Complessivamente, dall’inizio dell’emergenza, sono risultate positive 235.561 persone, con 4.318.650 tamponi analizzati. Attualmente risultano positivi e sono curati dal Servizio sanitario 32.872 (-1.858) pazienti. I guariti sono 168.646, cioè 2.062 in più rispetto a ieri. I deceduti nelle ultime 24 ore sono stati 79, rispetto ai 65 del dato di ieri, dato che porta il totale delle vittime a 34.043.

Passiamo alle colonne gialle, cioè nelle varie categorie dei positivi assistiti: i ricoverati nei reparti covid ordinari sono complessivamente 4.581 (-48). Sono 20 i posti letti liberati nelle Terapie Intensive in Italia. Dunque, si attestano a 263 i malati da covid in Rianimazione.

In quarantena domiciliare si trovano 28.028 positivi, 1.690 in meno rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore, i casi analizzati nel nostro paese, cioè le persone sottoposte per la prima volta al tampone, sono stati 32.200, per un totale di italiani testati pari a 2.675.689. 

Degli 283 tamponi positivi rilevati oggi, 192 provengono dalla regione Lombardia, quindi 68% dei nuovi positivi italiani provengono da questa regione, che vede il rapporto del contagio fermarsi al 1,95%, dopo il preoccupante 4,32 registratosi ieri. In pratica, raddoppiando  il numero dei tamponi, la cifra dei positivi resta (quasi) uguale. Aggiungendo al dato lombardo anche il numero di nuovi positivi di Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, Liguria, si arriva a 243 casi di contagio nelle 5 regioni del Nord più colpite. Parliamo del 86% di tutti i nuovi contagi avvenuti in Italia.