Napoli Città Napoli Nord Napoli Sud Nolano

CORONAVIRUS. Era nell’aria: scontato, nel decreto legge che il governo sta preparando, il RINVIO AD OTTOBRE DELLE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI

           

NAPOLI (g.g.) – Era nell’aria quello che rappresentava un’indiscrezione, si sta materializzando. Il governo che finalmente recupera un minimo di legalità costituzionale nel momento in cui si prepara ad utilizzare per svolgere la propria funzione in questo momento di straordinaria emergenza, lo strumento del decreto legge, abbandonando e riducendo l’uso e l’abuso di un altro strumento, infinitamente meno legittimante visto che il decreto del presidente del consiglio dei ministri, che peraltro si è trasformato nei decreti del commercialista Borrelli, cioè il capo della protezione civile, hanno rappresentato fino ad oggi il mezzo attraverso cui si è messa l’Italia in stato di emergenza, con tanto di sospensione di diverse garanzie costituzionali.

I DPCM sono stati firmati grazie ad un espediente e cioè alla copertura di un decreto legge precedente con cui il governo trasmetteva deleghe ampie e genericamente declinate al presidente del consiglio.

Quello che sta capitando in queste ore, invece, è decisamente più ortodosso. Il decreto legge, infatti, come si sa, se è immediatamente esecutivo, necessita, nel rispetto della forma istituzionale della democrazia parlamentare italiana, essere approvato dalla camera e del senato entro e non oltre i 60 giorni dalla sua pubblicazione in gazzetta ufficiale.

In un momento di emergenza, il parlamento vorrà, riteniamo, sicuramente non arrivare all’ultimo istante, cioè al 60esimo giorno, coprendo istituzionalmente il decreto legge del governo e dandogli dunque una piena legittimazione democratica, nel momento in cui, con la propria ratifica, lo trasformerà in legge dello stato.

E d’altronde stiamo parlando di un’altra cosa molto forte, quanto inevitabile: il rinvio delle elezioni comunali e anche delle regionali. Mentre per le prime, il governo è direttamente responsabile dell’atto di fissazione della data, e quindi può agire direttamente sulla stessa, nel caso delle regionali, il decreto dovrà agire attraverso una proroga delle funzioni del presidente della regione, della giunta e, riteniamo, anche se le agenzie ancora non ne parlano, e non può essere altrimenti, anche del consiglio regionale.

In sostanza le comunali che dovevano svolgersi tra il 15 aprile e il 15 giugno, saranno rinviate di 3 mesi e per 3 mesi sindaci, giunte e consigli comunali rimarranno in carica. Facendo quattro conti le elezioni amministrative saranno spostate a ottobre, massimo novembre.

Stesso discorso per le regionali. Tutti i governatori in scadenza tra i quali c’è lo stesso De Luca, svolgeranno il loro mandato, non per 5 anni, ma per 5 anni e 3 mesi, spostando le elezioni regionali nello stesso periodo in cui si svolgeranno le comunali, cioè ad ottobre. Questo varrà per De Luca in Campania, Emiliano in Puglia, Zaia in Veneto, Toti in Liguria, Rossi in Toscana e Ceriscioli nelle Marche.

Ecco i Comuni della provincia di Napoli chiamati al voto

Comune (popolazione legale)Sindaco uscenteCoalizione
Caivano (**) (37.654) 
Calvizzano (**) (12.537) 
Cardito (22.322)Giuseppe CirilloL.C.: Cambiamo Verso Cardito, Partito Socialista Italiano, L.C.: Cirillo Sindaco, L.C.: Insieme per Cardito, L.C.: Adesso Cardito, L.C.: a Viso Aperto Cardito, Partito Democratico
Casalnuovo di Napoli (48.621)Massimo PellicciaL.C.: Oblò, L.C.: Casalnuovo in Movimento, L.C.: il Giglio Legalità e Giustizia, L.C.: Spazio Giovani, L.C.: Casalnuovo Libera, L.C.: Ambientalisti Civici, L.C.: Città Ideale
Casamarciano (3.272)Andrea ManziL.C.: Casamarciano Libera e Giusta
Casandrino (*) (13.295) 
Casavatore (*) (18.663) 
Ercolano (53.677)Ciro BuonajutoItalia dei Valori, Centro Democratico, Federazione dei Verdi, L.C.: Rinnovare Ercolano, Partito Socialista Italiano, Sinistra Ecologia Libertà, Partito Democratico
Frattamaggiore (30.241)Marco Antonio Del PreteUnione di Centro, L.C.: I Democratici, L.C.: Popolari per Frattamaggiore, Partito Democratico
Giugliano in Campania (+) (108.793) 
Grumo Nevano (*) (18.017) 
Lacco Ameno (4.675) 
Mariglianella (7.572)Felice Di MaioloL.C.: Liberi di Volare
Marigliano (30.247)Antonio CarpinoL.C.: Marigliano Libera, L.C.: Marigliano Domani, Rifondazione Comunista, L.C.: la Città   Che Vogliamo, L.C.: Cambia con Noi, L.C.: il Campanile, Partito Democratico
Massa Lubrense (14.020)Lorenzo BalducelliL.C.: Patto con la Città
Monte di Procida (12.975)Giuseppe PuglieseL.C.: Svoltiamo Insieme
Mugnano di Napoli (34.504)Luigi SarnataroL.C.: Progettiamo Mugnano, L.C.: L’Altra Mugnano, Davvero-Verdi, L.C.: Unione per Mugnano, Partito Democratico, L.C.: Mugnanofutura, Italia dei Valori, L.C.: Città Ideale
Poggiomarino (*) (21.206) 
Pomigliano d’Arco (40.083)Raffaele RussoUnione di Centro, L.C.: Pomigliano Socialista, Forza Italia, L.C.: Nuove Generazioni, L.C.: Millesettecento99, L.C.: Uniti per Pomigliano, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, L.C.: la Mia Pomigliano, L.C.: Grande Pomigliano
Pompei (*) (25.440) 
Procida (10.228)Raimondo AmbrosinoL.C.: la Procida Che Vorrei
San Gennaro Vesuviano (**) (11.073) 
San Giorgio a Cremano (45.523)Giorgio ZinnoCentro Democratico, Partito Democratico, Verdi-PSI, Italia dei Valori, L.C.: Liberamente San Giorgio, Sinistra Ecologia Libertà, Popolari per L’Italia, Unione di Centro, L.C.: Progetto San Giorgio, L.C.: Città Ideale
San Paolo Bel Sito (3.422)Manolo CafarelliL.C.: Insieme per il Bel Sito
Sant’Anastasia (*) (27.296) 
Sant’Antimo (*) (34.107) 
Sorrento (16.563)Giuseppe CuomoL.C.: con Noi per Sorrento, L.C.: la Grande Sorrento, L.C.: il Ponte, L.C.: Nuova Sorrento
Terzigno (17.367)Francesco RanieriL.C.: Oltre il Vesuvio, L.C.: Terzigno, L.C.: la Campana, L.C.: Francesco Ranieri Sindaco, L.C.: il Tralcio

(*)Comune il cui Consiglio si rinnova per motivi diversi dalla scadenza naturale del mandato.
(+)Comune sciolto al rinnovo per scadenza naturale.
(**)Comune il cui Consiglio si rinnova per la scadenza del periodo di scioglimento per l’applicazione della misura prevista dall’art.143 del D.Lgs. n.267/2000.