Napoli Nord

CORONAVIRUS. Ambulante di Cardito allestisce punto vendita di carciofi a Orta di Atella insieme a tre collaboratori

           

CARDITO – Dopo l’emanazione dei recenti D.P.C.M., in ossequio a quanto stabilito nell’ambito del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, i Reparti della Guardia di Finanza, in stretto coordinamento con le altre Forze di Polizia, hanno orientato la loro attività verso il rafforzamento del controllo del territorio per verificare il rispetto delle misure di contenimento del contagio del Coronavirus.

In questi primi giorni di attività sono stati già denunciati all’Autorità Giudiziaria 25 soggetti sopresi a circolare in auto in comuni diversi da quello di residenza senza autocertificazione al seguito e senza alcuna valida giustificazione e 7 titolari di esercizi commerciali che hanno mantenuto aperti i loro negozi in violazione alle prescrizioni nazionali. Tra quest’ultimi sanzionato anche un ambulante abusivo di Cardito (NA) che, insieme a ben tre collaboratori, aveva apprestato un punto vendita di carciofi arrostiti lungo una strada nel comune di Orta di Atella. In questo caso, oltre alla sanzione penale per il mancato rispetto del D.P.C.M. in quanto l’attività veniva svolta in modo da creare assembramento di persone, i militari hanno sequestrato l’intera struttura, comprese le griglie in ferro di grosse dimensioni e ben 2.400 carciofi, tra quelli in cottura e quelli già confezionati in vaschette esposte per la vendita.

Sequestrate 136 mascherine fuorilegge in vendita in un ingrosso di Casavatore (NA) e in un’altra parafarmacia di Giugliano in Campania (NA).