Regione

CORONAVIRUS. A CASTEL VOLTURNO militari extra solo grazie all’intervento diretto sul governo di Giorgia Meloni

           

CASTEL VOLTURNO -(g.g.) Va a finire che in questo casino, qualcuno si intesta meriti che non ha. Solo per amor di verità, visto che sono cominciate ad arrivare agenzie che annunciano un fatto vero, e cioè che dei soldati sono arrivati a Castel Volturno, noi, che su questa vicenda siamo attivi da più di 24 ore, abbiamo telefonato al sindaco Luigi Petrella per capire effettivamente le cose come siano andate.

Petrella spiega e mantiene il suo profilo istituzionale, ancor più doveroso in questi giorni, durante i quali, nessuna polemica deve diventare un freno per un corale concorso di ognuno alla risoluzione di un problema epocale.

Non ho dubbi sul fatto – spiega il sindaco a CasertaCe e a NapoliCe – che tutte le istituzioni, a partire dalla Regione Campania, erano intenzionate a dar riscontro al mio appello. Castel Volturno ha una struttura sociale particolarissima. Io mi sono insediato da pochi mesi, lavoriamo per una inversione di rotta anche se non è facile affrontare le tante situazioni complesse di promiscuità, di tante persone presenti ma che in realtà presenti non sono perchè clandestine e persone irrintracciabili. Va da sè – continua Petrella – che in una condizione del genere, basterebbe un solo contagio, attivato in uno di questi contesti promiscui, per creare un vero e proprio disastro. Ecco perchè ho ritenuto, sin dal primo momento, che Castel Volturno vivesse una particolarissima emergenza. Ne ho parlato a tutte le istituzioni, al governo, alla Regione. Ma probabilmente non ricorrevano le condizioni per ottenere la presenza di un piccolo contingente militare, adibito al controllo del territorio per il coronavirus. Dei 100 militari schierati nei giorni scorsi, 60 nuovi e 40 spostati da Strade sicure, nessuno è arrivato a Castel Volturno.

La soluzione, però, Luigi Petrella l’aveva a portata di mano. Ma lui non voleva connotarla politicamente. Ma di fronte alla necessità ha preso il telefono e ha chiamato direttamente Giorgia Meloni, la quale s’è messa in azione, e ha ottenuto dal governo, partendo dal ministero dell’interno e dalla titolare di questo dicastero Luciana Lamorgese che coordina i 7mila militari apprestati all’ordine pubblico, qualche unità aggiuntiva per Castel Volturno.

“E così – conclude il sindaco Petrella – stamattina è arrivata la buona notizia dei 20 militari che si stanno già schierando“.