Regione

Concorsi “truccati” per le forze dell’ordine. TUTTI I NOMI degli INDAGATI e degli ARRESTATI

           

CASERTA – Sono stati resi noti dei principali coinvolti nell’operazione eseguita stamattina dalla Guardia di Finanza di Benevento, coadiuvata dagli uomini degli altri comandi provinciali a carico di una presunta organizzazione che prometteva posti di lavoro truccando poi concorsi per le forze dell’ordine.

Il viceprefetto che svolge la funzione di dirigente del Ministero dell’Interno presso il Dipartimento dei vigili del fuoco è il 65enne Claudio Balletta, residente a Roma è finito in carcere. Con lui Giuseppe Sparaneo, 51 anni, di Benevento, e Antonio De Matteo, 68 anni, di Benevento, funzionari dei vigili del fuoco: il secondo è in pensione.

Arresti domiciliari, invece, per Antonio Laverde, 44 anni, originario di Benevento, residente a Fonte Nuova (Roma) maresciallo della Finanza in servizio al Comando generale, e Vito Russo, 40 anni, di Benevento, carabiniere  a Roma.

Alessandro Filippo Lupo, 56 anni, di Treviso, e Gianluca Galliano, 45 anni, nato a Benevento, residente ad Ardea, hanno rimediato la sospensione per 12 mesi dalle funzioni di vigile del fuoco ed agente di polizia; obbligo di dimora ad Apollosa per Eduardo Zolli, 66 anni, indicato come intermediario.

Questi gli indagati a piede libero:  Gianpiero Salerno, 28 anni, di San Giorgio del Sannio, Gerardo Salerno, 61 anni, di San Giorgio del Sannio, Pio Chioccola, 58 anni, di Benevento, Maria Teresa De Vanna, 54 anni, di Benevento, Francesco Furno, 22 anni, di Benevento, Goffredo Furno, 66 anni, di Benevento, Vincenzo Franzese, 58 anni, di Benevento, Fabio Franzese, 23 anni, di Benevento, Lina Porfidio, 56 anni, di Benevento, Daniela Melillo, 30 anni, di Benevento, Mario Melillo, 60 anni, di Benevento, Nazzareno Antonio Orlando, 27 anni, di Benevento, Giuseppe Marro, 55 anni, di Benevento, Sergio Antonio Fiscante, 57 anni, di Benevento, Giuseppe Fiscante, 27 anni, di Benevento, Isidoro De Blasio, 30 anni, di Benevento, Antonia Parrella, 53 anni, di Arpaise, Nicola Testa, 30 anni, di Caposele, Emanuele Furno, 29 anni, di Benevento, Fabio Zullo, 27 anni, di Calvi, Fabio Luongo, 28 anni, di Torre Le Nocelle, Luigi Coletta, 64 anni, di Benevento, Bruno Saraceno, di San Nazzaro Calvi, Francesco Saraceno, 24 anni, di Benevento, Davide Izzo, 28 anni, di Benevento, Pierbiagio De Luca, 26 anni, di Benevento, Genesio De Luca, 59 anni, Antonio Saracino, 53 anni, di Bovino, Lucia Bisanti, 52 anni, di Bovino, Antonio De Gennaro, 26 anni, di Benevento, Vincenzo Sparaneo, 31 anni, di Benevento, Antonio Masotti, 65 anni, di Benevento, Vinceno Dell’Oste, 34 anni, di Benevento, Graziano De Girolamo, 28 anni, di Pago Veiano, Alfredo Ghetta, 24 anni, di Benevento, Giovanni Ghetta, 57 anni, di Benevento, Nicola Longo, 24 anni, di Pontelandolfo, Mauro Barbato, 47 anni, di San Giorgio La Molara, Enrico Catalano, 58 anni, di Benevento, Mario Cerasuolo, 52 anni, di Parete, Antonello D’Angelo, 24 anni, di Moiano, Nicola D’Angelo, 54 anni, di Moiano, Ermanno Reale, 55 anni, di Benevento, Giuseppe Ciaramella, 53 anni, di Moiano, Mario Izzo, 32 anni, di Apollosa, Iolanda Giannini, 59 anni, di Apollosa, Umberto De Matteo, 41 anni, di Marino, Fabio De Matteo, 39 anni, di Bolzano, Emanuele De Matteo, 34 anni, di Mantova, Felice De Matteo, 32 anni, di Benevento.

Ci sono altri 39 indagati i cui nomi però sono stati, per il momento, omissati.