Napoli Sud

Annuncio macabro del comune: “C’è una vittima del COVID a CASTELLAMMARE”. Ma non è così: la figlia smentisce la notizia

           

CASTELLAMMARE DI STABIA – Si era parlato inizialmente di un decesso da covid, per un cittadino di Castellammare di Stabia, ricoverato al Covid Hospital di Maddaloni. In poche ore la notizia è balzata da un social all’altro facendo il giro della città fino a giungere alla famiglia del diretto interessato che ha invece, fortunatamente, smentito il decesso del loro congiunto. La notizia del decesso pare sia partita da una chat scolastica, l’uomo è un collaboratore scolastico, per poi essere confermata dall’ente comunale attraverso il sindaco, Gaetano Cimmino, che in queste ore è lui a smentirla : ” Ci è giunta notizia nelle scorse ore, con la premura di diffusione per informare la popolazione, che un cittadino positivo al Covid-19 sarebbe deceduto nella giornata odierna: un uomo le cui condizioni si sarebbero aggravate all’improvviso. Il decesso non corrisponderebbe alla realtà e di sicuro non fa riferimento alla notizia, diffusa sin da stamattina, della presunta morte di un operatore scolastico, pervenuta da fonti ufficiali ma poi smentita dalla famiglia con prove certe. Sono in corso intanto alcune verifiche sulla vicenda in oggetto, tenendo presente che la privacy dei pazienti è sempre stata rispettata nelle comunicazioni ufficiali pervenute da questo ente. E ci auguriamo che si sia trattato di un semplice malinteso e che nessun decesso per Covid sia avvenuto oggi a Castellammare di Stabia.

Stiamo affrontando un’emergenza sanitaria senza precedenti, una pandemia che sta facendo sentire nuovamente i suoi effetti sulla popolazione dopo un periodo di moderata riduzione dei contagi. Ora più che mai è fondamentale rispettare le regole e indossare sempre la mascherina anche all’aperto. Continueremo a sanzionare i trasgressori perché ogni azione incauta rischia di danneggiare la salute di centinaia di persone.

Dall’Asl arriva oggi anche la notizia di altri 3 cittadini contagiati: si tratta di un 29enne, di una 19enne e di una 26enne che si trovano invece in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva dopo l’esito positivo del tampone. A tutti loro auguro di guarire in fretta e di vincere la loro battaglia. Restiamo uniti e remiamo insieme. Soltanto se continueremo a comportarci con maturità e senso di responsabilità, riusciremo a superare questo momento così difficile.”